Come riconoscere un buon allevamento di gatti siberiani

Trovare un buon allevamento di gatti siberiani non è semplice. In questo articolo vi parlo di alcuni aspetti cruciali a cui fare attenzione quando decidi dove adottare il tuo gatto.

5 consigli per scegliere l’allevamento di gatti siberiani:

standard gatto siberiano

1. Vai a visitare l’allevatore.

La prima regola base: vai a conoscere la persona che si prende cura del futuro gatto. In questo modo puoi farti un’idea di come viene allevato e capire la serietà di chi hai davanti. Phibille considera fondamentale questo momento. Chi dimostra serietà nell’intenzione di adottare un gatto è invitato a venirci a trovare. Attenzione: la visita all’allevamento non deve essere un’alternativa  alla gita domenicale, nel rispetto dell’allevatore e dei gatti. Ma una volta capita la serietà della persona l’appuntamento diventa un momento decisivo, anche per l’allevatore stesso che vuole capire a chi andrà il cucciolo.E questo ci porta al punto due

2. La passione dell’allevatore.

Un buon allevatore di gatti ti farà parecchie domande: cosa ti ha spinto a questa decisione, dove e come verrà accudito il gatto una volta adottato etc. Non andare sulla difensiva. È una genuina passione nei confronti della razza e dell’animale il motore dell’attività di un buon allevatore. Di conseguenza lo ad interessarsi alla vita del cucciolo quando avrà trovato una nuova casa.

3. Come vivono i gatti.

Con le dovute eccezioni un segno di buon allevamento è quello in cui i gatti vivono in casa. Osserva anche come si comportano con delle persone attorno. Se sono rilassati o meno, se sono abituati alla presenza di umani e a farsi toccare. I gatti che vengono tenuti separati a lungo dagli umani potrebbero avere dei problemi nell’interazione una volta portati a casa. Osserva anche la pulizia della casa. Non stiamo parlando dei piatti nel lavandino, ma piuttosto dell’igiene generale dell’ambiente.

4. Un veterinario di fiducia.

Solitamente un serio allevatore ha una forte relazione con un veterinario della zona (spesso anche più di uno), sul quale fa affidamento per la salute dei suoi gatti. Chiedi informazioni su quest’aspetto durante il vostro incontro

5. Dopo l’adozione del gatto.

Infine un allevatore responsabile e appassionato ti offrirà supporto e disponibilità per consigliarti nella cura del gatto una volta che l’avrai portato a casa.
Questi alcuni dei punti fondamentali nella scelta di un buon allevatore. Se hai altri suggerimenti scriviceli nei commenti o sulla pagina Facebook Phibille
Recent Posts
MENU
cleyd-2-genitori